La Sedia di Lulù a Teatro

Il 23 Dicembre il Teatro Titano di San Marino ospiterà uno spettacolo di beneficenza molto particolare. Si tratta di “Più di Prima”, testimonianza di un rapporto straordinario e percorso di crescita nato tra una ragazza disabile e il suo cane. La piece teatrale è la trasposizione teatrale del libro “La Sedia di Lulù”, un romanzo biografico che parla del toccante rapporto di sostegno e crescita mutuale instaurato tra Alessandra e il suo cane, fedele amico che supporta la ragazza nei suoi ordinari problemi di disabilità… in modo straordinaro.

Che cosa dobbiamo aspettarci da questo spettacolo? Lo chiediamo questa intervista a Marina Casciani, coautrice del libro e promotrice dello spettacolo.

La sedia di Lulu

  • Marina, di cosa parla La Sedia di Lulù?
  • Racconta la storia di Alessandra, una ragazza divenuta disabile a causa di un incidente stradale avuto l’11 Settembre 2002, l’anniversario del crollo delle Torri Gemelle a New York. Il libro racconta di una rinascita dopo la tragedia, di un cammino nuovo dove la sofferenza è alleviata e accompagnata dal bene di tanti, dai familiari agli operatori delle strutture sanitarie fino a Lulù, un cane da supporto fedele e inseparabile. Lulù cambia nuovamente la vita di Alessandra, che in qualche modo rinasce con lei. Alessandra ricomincia così a lavorare diventando istruttore cinofilo e operatore pet therapy, scoprendo il vero significato dell’amicizia.
  • L’11 Settembre è stato un momento collettivo che ha unito il mondo in attimi di paura e totale incredulità. Dov’eri quando è avvenuto l’incidente e a cosa hai pensato?
  • Io mi trovavo in Toscana e Alessandra era a lavoro, non ci conoscevamo ma entrambe ricordiamo bene quel giorno. Pensammo alla guerra, eravamo incredule e ammutolite.
  • Come hai conosciuto Alessandra?
  • Ho conosciuto Alessandra circa sei anni fa. Io mi occupo di un’associazione che attiva progetti di pet therapy in Emilia Romagna, www.chiaramilla.it. All’epoca collaboravo con Daniela, istruttrice di Lulù. Vidi Alessandra esibirsi con il suo cane durante una fiera, dove faceva vedere tutto ciò che Lulù sapeva fare per assisterla.
  • Cosa ti ha colpito di Alessandra quando l’hai conosciuta?
  • La sua estrema solarità e la sua grandissima forza. L’essere sempre positiva. Alessandra mi ha descritto i giorni immediatamente successivi al suo incidente guardandomi negli occhi, con una capacità di distaccarsi dal dolore incredibile. Di lei ancora oggi mi colpisce la voglia di vivere che ha ogni giorno, come riesce a gustarsi i momenti della vita, anche se duri e difficili. È una bambina entusiasta di fronte alla stupefacente semplicità delle cose.
  • Da chi è nata l’idea di raccogliere tutte le testimonianze in un libro?
  • Mi sono innamorata subito della storia di Alessandra e meravigliata della complicità che aveva con il suo cane. Le ho chiesto di raccontarmi la sua esperienza così è nato “La Sedia di Lulù”.
  • Vi aspettavate un simile riscontro da parte del pubblico e dei lettori?
  • Di vendere oltre undicimila copie? E senza librerie ma solo con presentazioni e passa parola? No, è stata una sorpresa. Io non credevo neppure di trovare un editore. Invece eccoci qua.
  • Recentemente avete presentato il libro anche nelle scuole. Lulù è stata contenta?
  • Lulù è felice di esaudire ciò che rende felice Alessandra, è un cane pieno di entusiasmo e molto collaborativo.
  • Com’è nata l’idea di trasformare il libro in un incontro teatrale?
  • Un po’ come è nato il libro, una sfida per promuovere il nostro lavoro ancora di più ma anche sottolineare i risultati e il viaggio che il libro ha fatto in questi tre anni. E poi penso sia un’idea originale quella di portare Lulù sul palco di un teatro, no?
  • Chi vi ha aiutato a progettare ed allestire lo spettacolo?
  • Io ho costruito la regia con il sostegno di Edoardo Boselli, giovane attore ferrarese, Nicola Canale si è occupato del lato tecnico con audio, video e luci, Alessandra si è messa in gioco e abbiamo avuto la fortuna di avere con noi a suonare e cantare un giovane musicista cantautore italo francese che ritengo un vero talento, Thomas Cheval.

più di prima a teatro

  • Avevate già avuto esperienze teatrali?
  • Mai! Ne io come regista ne Alessandra come attrice. Vi stupiremo!
  • Il rapporto tra uomini e animali domestici ci colpisce con storie sorprendenti e toccanti. Gli animali, in particolare i cani, sono in grado di ascoltarci senza pretendere nulla dall’uomo. Quanto abbiamo da imparare da queste creature?
  • Infinitamente. Gli animali toccano corde che gli esseri umani non immaginano neppure, abbattono diffidenza e differenza, per usare una frase del libro “risolvono tutto con un battito di coda”.
  • Ci parli delle attività dell’Allevamento Didattico Argento Vivo?
  • Argentovivo alleva golden retriever affinché possano essere preparati da assistenza e alleva cuccioli di Jack Russell Terrier per raccogliere fondi da dare all’associazione Chiaramilla, che poi attiva progetti di pet therapy sul territorio. Nasce allo scopo di diffondere una corretta cultura cinofila.
  • Su “La sedia di Lulù”è stato girato anche un documentario, ora proposto alla candidatura del TIM Vision Web Film Award. Nella giuria ci sono artisti del calibro di Grabriele Salvatores, Carlo Verdone e Paola Cortellesi. A quali risultati ambite e come possiamo aiutarvi in questa competizione?
  • A dire il vero non ci aspettiamo nulla, vorremmo solo dare l’opportunità al pubblico di conoscere una storia speciale e che fa bene al cuore. Poi chissà…
  • Proporre uno spettacolo simile in concomitanza delle Feste di Natale è un regalo magnifico per il pubblico di San Marino. Cosa dobbiamo aspettarci da questa serata, e cosa vorreste ricevere sotto l’albero?
  • Credo che debbano aspettarsi una bella lezione di vita, perché Alessandra è un esempio per tutti. Vorremmo riuscire a farci dedicare dalle persone un po’ del loro prezioso tempo perché possano partecipare, imparare e diffondere questa storia speciale. Del resto il libro viene venduto per formare altre Lulù da affidare a persone disabili.

Lo spettacolo teatrale “Più di Prima” vi attende il 23 Dicembre al Teatro Titano di San Marino alle 21.15. L’ingresso è offerta libera e il ricavato sarà utilizzato per sostenere progetti di formazione di cani da assistenza.

 

Articoli correlati

Intervista a Raul Cremona

Intervista a Raul Cremona

Il comico prestigiatore sarà l'ospite d'onore del 18° Festival Internazionale della Magia di San Marino. Abbiamo colto l'occasione per intervistarlo per Visit San Marino.

Alex De Angelis: intervista al pilota di San Marino

Alex De Angelis: intervista al pilota di San Marino

Ospite del nostro blog un altro indiscusso protagonista del mondo delle moto di San Marino.

Manuel Poggiali: intervista al campione motociclistico

Manuel Poggiali: intervista al campione motociclistico

Manuel Poggiali è di nuovo in gara all'inseguimento di un sogno importante: il titolo italiano SBK 2014.